Webzine di Tecnica e Società
 

Avatar per curare la schizofrenia

I pazienti schizofrenici che soffrono di allucinazioni uditive possono essere curati con l’uso di avatar.

E’ una terapia sperimentale quella portata avanti dal professor Tom Craig del King’s College London e descritta in uno studio pubblicato sulla rivista “The Lancet Psychiatry”. 150 pazienti sono stati coinvolti nei test che hanno condotto a risultati incoraggianti.



Nel mondo ci sono oltre 21 milioni di persone affette da schizofrenia, una patologia mentale che comporta alterazione della percezione con allucinazioni visive e, più comunemente, uditive. In questo caso, il paziente sente delle voci offensive e minacciose che farmaci e terapie tradizionali non riescono a far scomparire in un caso su quattro.

Nell’esperimento del King’s College London si è provato a dare un volto a queste allucinazioni tramite degli avatar, immagini digitali rappresentate su uno schermo, con i quali i pazienti hanno interagito più volte in sessioni settimanali.

Risultato? La terapia a base di avatar ha funzionato, portando a una regressione delle allucinazioni e a un depotenziamento del loro carattere angosciante per il paziente. Segno di una ripresa di controllo da parte dell’individuo schizofrenico sulle sue allucinazioni. Che in alcuni pazienti sono scomparse del tutto dopo appena 12 settimane.

E’ chiaro che è necessario trovare conferme dell’efficacia del trattamento su un numero più grande di malati. Ma questo approccio è un’innovazione promettente che potrebbe cambiare radicalmente la condizione di milioni di pazienti schizofrenici.

Post Tags
Condividi post
Scritto da
Nessun commento

Lascia un commento