Webzine di Tecnica e Società
 

Avere sempre con sé il cellulare non è dipendenza

Il cellulare è ormai entrato a far parte della nostra vita quotidiana. Molto è stato scritto sull’uso dei telefonini e sui possibili rischi di dipendenza.

Le persone, d’altronde, passano sempre più tempo a trafficare coi loro dispositivi mobili, negli Stati Uniti anche fino a 5 ore al giorno.



Molti congegni tecnologici, come il computer o l’automobile, sono diventati parte integrante della nostra esistenza. Qualcosa di indispensabile alla cui presenza e funzione non si può più rinunciare.

Che cosa potrebbe accadere nel caso in cui ne venissimo privati? Quali effetti produrrebbe il mancato uso del cellulare sui singoli individui?

E’ una domanda che si sono posti quattro ricercatori della Stanford University che hanno effettuato una serie di esperimenti per verificarlo.

I test, una versione aggiornata e moderna del più famoso Marshmallow test, sono stati condotti su una platea di 125 studenti che sono stati posti in tre diverse situazioni. Nella prima i soggetti, al chiuso di una stanza, hanno avuto la piena possibilità di utilizzo del cellulare, nella seconda il telefonino era presente ma veniva chiesto di resistere al suo uso, e, infine, nella terza i partecipanti all’esperimento non avevano a disposizione i dispositivi mobili.

Risultato? Chi era privo di telefonino ha mostrato più difetti di concentrazione e più distrazione mentale rispetto a quelli che, al contrario, ne erano in possesso. Inoltre, i soggetti ai queli era stato chiesto di non usare il telefonino anche avendolo in stanza hanno riportato una maggiore capacità di concentrazione percepita, all’opposto delle persone che ne erano state private del tutto.

Cosa dimostrano questi test? Per i ricercatori che la presenza del cellulare è in grado di causare maggiore concentrazione mentale e di rilassare il corpo, almeno temporaneamente.

Significa che siamo diventati dipendenti da questo mezzo tecnologico? Non necessariamente. Le persone, rispondono i ricercatori, non amano stare da sole senza nulla da fare perché il cervello cerca stimoli esterni. Il telefonino, in questo caso, ha una valenza per il fatto che attraverso questo strumento possiamo essere connessi con altre persone, essere informati, fare shopping o divertirci con giochi e sport.



Il valore del cellulare è nel suo rappresentare il potenziale per far esprimere la dimensione social di ognuno di noi e di connessione con gli altri. E’ non permettendo alle persone di usare il telefonino che scopriamo cosa ci offre.

Post Tags
Condividi post
Scritto da
Nessun commento

Lascia un commento