Webzine di Tecnica e Società
 

Musei e mostre sempre più a realtà virtuale con HTC

La realtà virtuale può aiutare l’arte ad attrarre di più il grande pubblico con un modo più moderno e coinvolgente di presentare opere e capolavori.

Lo pensa HTC, azienda made in Taiwan, che lanciato il programma Vive Arts per finanziare mostre ed esposizioni nei musei e nei centri culturali di tutto il mondo.



La tecnologia di realtà virtuale consente di proporre contenuti artistici che sono in grado di far vivere un’esperienza immersiva ai visitatori.

Un esempio è la mostra dedicata al Muro di Berlino, tenuta presso il Newseum di Washington, con cui HTC ha avviato da tempo una collaborazione.

Ma il primo progetto sotto il marchio Vive Arts sarà Modigliani, il cui lancio è previsto il 23 novembre alla Tate Gallery di Londra. In questa occasione, saranno presentati i lavori dell’artista italiano con l’ausilio della realtà virtuale. Modigliani si potrà godere anche in casa con il visore Vive, prodotto da HTC, scaricando un’app dal negozio Viveport, dedicato ai contenuti di virtual reality.

HTC ha stabilito una partnership anche con altri musei nel mondo, come la Royal Academy of Arts di Londra, il Muséum national d’histoire naturelle di Parigi, il Taiwan’s National Palace Museum di Taipei e con la Biennale di Venezia, per altri progetti di esposizioni e di mostre.

Condividi post
Scritto da
Nessun commento

Lascia un commento